Tempo di lettura: 2 minuti

La musicoterapia può essere utilizzata per pazienti malati di cancro per migliorare la qualità della vita.

La musicoterapia, un’ attività che utilizza la pratica e l’ascolto musicale, serve per esprimere le emozioni che si stanno provando in un periodo non facile per portare il paziente a migliorare, sia emotivamente che fisicamente, il suo stato di salute. Venendo utilizzata per aiutare i pazienti nell’affrontare diverse malattie, non solo fisiche ma anche mentali, diversi pazienti malati di cancro hanno deciso di utilizzare questa via per sentirsi meglio.

È bene ricordare che la musicoterapia non vuole portare alla guarigione, questa spetta alla scienza e ai medici, ma si pone come obiettivo il portare il paziente a uno stato di benessere migliore del precedente.

Perché i pazienti malati di cancro utilizzano la musicoterapia?

L’intervento musicoterapico viene usato dai pazienti perché, molto semplicemente, li fa sentire meglio. Ascoltare e praticare musica infatti può calmare e far rilassare le persone, venendo così a creare uno spazio sicuro per esplorare e affrontare, in modo sano, la paura, l’ansia, la rabbia e tutte le altre emozioni causate dal dover vivere e combattere il cancro.

La pratica musicale, lo scrivere una canzone o il discutere di musica sono tutte azioni che servono a portare una risposta sia fisica che emotiva poiché, nonostante non abbiano un vero e proprio impatto sulla malattia, producono un effetto immediato sull’umore rafforzando le capacità dei pazienti nell’affrontare il cancro.

Esistono dei dati scientifici che confermano la tendenza della musicoterapia nell’aiutare i pazienti malati di cancro?

Diversi ricercatori stanno focalizzando la loro attenzione sulla musicoterapia.

Nel 2014 un gruppo della Indiana University studiò una specifica forma di musicoterapia, detta Therapeutic Music Video (TMV), che serviva a migliorare la resilienza di adolescenti durante il trapianto di cellule staminali. 113 pazienti con un’età che andava dagli 11 ai 24 anni sono stati divisi in due gruppi: uno assegnato al gruppo TMV e uno ad un gruppo di ascolto di audiolibri. Il primo gruppo ha dimostrato un significativo miglioramento, rispetto al secondo, per quanto riguarda l’affrontare il processo, l’integrazione sociale e l’ambiente familiare dimostrando come la musica li ha potuti aiutare durante un trattamento ad alto rischio.

Le ricerche, molteplici, hanno dimostrato come la musicoterapia e la pratica musicale hanno aiutato i bambini ospedalizzati a metterli a proprio agio e riducendo il dolore e l’ansia per i piccoli pazienti che dovevano affrontare una puntura lombare.

Donna con il cancro che ascolta musica

La musicoterapia è una tecnica non invasiva che, come dimostrato da diversi studi, serve a portare un benessere al paziente riducendo l’ansia, la depressione e alleviando il dolore. È una tecnica che può essere utilizzata da tutte le persone, senza età, proprio come la musica. E può essere utilizzata ovunque: ospedali, cliniche, centri o case.

Migliorando la qualità di vita la musicoterapia, coinvolgendo anche la pratica musicale, può realmente migliorare la qualità di vita dei pazienti malati di cancro dandogli così una nuova speranza per affrontare un percorso così difficoltoso.