Tempo di lettura: 2 minuti

La musica ha sempre avuto un enorme impatto sulla storia e sulla società, quasi plasmandola a suo piacimento.

Canzoni tristi. Canzoni felici. Canzoni che muovono le masse. Canzoni con un messaggio. E se la melodia serve per colpire dritta alla testa, è invece il messaggio quello che arriva al cuore e lì rimane. Tanto da cambiare il modo di pensare. Tanto da cambiare il modo di agire.

L’impatto che la musica ha sulla società è enorme. Queste due si influenzano e si modificano a vicenda, creando la storia.  

L’impatto culturale della musica

La musica ha sempre riflesso la cultura del tempo. Molti artisti hanno infatti utilizzato la musica, lo scrivere una canzone, per denunciare e far riflettere su ciò che accadeva nella società. Un esempio non molto lontano e conosciuto da tutti è dato dal cantautorato di De André, vedi, fra le tante, Don Rafaè utilizzata come una denuncia sociale sostanzialmente anti-mafiosa.

Ma non è tutto perché oltre che a denunciare, la musica può avere un impatto diretto sulla vita delle persone. In Venezuela infatti da più di 30 anni opera una Fondazione nata su iniziativa del Maestro Abreu. Questa si pone come obiettivo la formazione gratuita attraverso la cultura e pratica musicale di oltre 250 mila bambini e ragazzi che combattono giornalmente contro violenza, criminalità e droga. La musica è utilizzata come insegnamento di vita.

bambini poveri che suonano due strumenti musicali

L’impatto morale della musica

Britney Spears una volta ha dichiarato di non voler essere considerata un “role model” ma è ormai normale che, con le loro canzoni, gli artisti influenzano i modi delle persone che li ascoltano. Molte volte, diversi artisti sono stati additati come “untori” a causa dei loro testi violenti.

Non c’è alcuna correlazione certa fra i comportamenti e la musica ascoltata ma i messaggi veicolati dalle canzoni possono, molto spesso, influenzare il modo di pensare dei fan.

L’impatto emotivo della musica

La musica crea atmosfera: quando siamo tristi ascoltiamo musica triste, quando facciamo ginnastica ascoltiamo musica più ritmata, quando siamo felici ascoltiamo musica più vivace. Questo deriva dal fatto che la musica ha anche un effetto sul cervello, rilasciando ormoni che sono in grado di dettare lo stato d’animo e il comportamento.

In una ricerca condotta da Deezer, i ricercatori hanno scoperto che ci vogliono appena 11 minuti per ottenere un beneficio nell’ascolto e solo 5 minuti per sentirsi meglio. Considerando poi la pervasività della musica, a partire dai supermercati per arrivare alle stazioni dei treni, in realtà realizziamo subito come quasi nessuno riesca a sfuggire a questa influenza.

ragazza che ascolta la musica in cuffia

Considerando quindi come la musica influenza la società e la nostra vita, è normale, molto spesso sottovalutato o ignorato ma non meno importante, il ruolo che la musica ha giocato in tematiche più forti e più grandi di essa stessa.


Clicca qui per il prossimo articolo: La musica come arma per combattere il razzismo

Chiara Troise