Tempo di lettura: 2 minuti

Che tu suoni per hobby o per passione, ecco alcuni semplici consigli per creare il tuo pubblico.

Quando si comincia a imparare a suonare uno strumento musicale da autodidatta, molto spesso accade che si inizia solo per hobby, diletto. Ma non è detto che la tua passione per la musica debba esistere solo nelle mura di casa anzi, perché non avere persone disposte ad ascoltare quello che si ha dire? Divertirsi significa far divertire e la musica, fortunatamente, ci riesce benissimo.

Quindi, ecco alcuni consigli su come costruire il tuo pubblico.

Esci dalla tua comfort zone

Nella musica c’è molto da imparare, ci sono un’infinità di vie e decisioni diverse che si possono prendere. Ed è per questo che un musicista non dovrebbe mai perdere la sua identità fra le strade della musica. Devo sempre tenere a mente chi sono, cosa voglio fare e dove voglio andare. Ciò però non significa rimanere sempre sulla stessa via: esplora! Uscire dalla tua comfort zone significa cercare nuovi metodi per sfidare te stesso. Alcune volte si vince, altre volte si perde ma almeno ci si mette alla prova. E alle persone questo piace: il coinvolgimento emotivo nel seguire passo per passo una persona e essere al suo fianco sia se si vince, sia se si perde.

Non cercare di piacere a tutti

Il progetto musicale è tuo e deve rispecchiare solo te stesso. È questo che poi ti rende unico. Cercare di piacere a tutti è solo una perdita di tempo, è meglio utilizzare le energie per continuare a suonare e rimanere autentici e coerenti con la propria identità. E sarà propria quest’ultima a guidare il tuo pubblico per renderti riconoscibile.

Non aver paura di condividere la tua musica

La musica è ciò che hai creato tu stesso, è qualcosa di intimo e che ti rispecchia. Condividerla significa non solo far ascoltare a qualcun altro come suoni o cosa scrivi ma significa anche condividere esperienze e pensieri intimi. Quindi, non aver paura: alle persone piace essere in grado di connettersi con gli altri.

Ragazzo che suona la chitarra con una ragazza come pubblico sul tetto di un pulmino

Chiara Troise